30 Giorni per fermare l'HIV

Nella primavera 2016 si svolge per la quinta volta la campagna BREAK THE CHAINS. L’obiettivo della campagna è ridurre le nuove infezioni da HIV nella comunità gay. Il motto è quindi: evitare assolutamente ogni rischio nel mese di aprile fino al test a maggio e fare il test HIV a maggio insieme ai partner sessuali. Presso i centri di test, nel mese di maggio il test costa solo 10 franchi. I centri per fare il test sono riportati qui.

2016-BTC-Test2-it
Come funziona BREAK THE CHAINS?

Molti nuovi contagi avvengono fra uomini che credono di essere sieronegativi, ma che hanno invece contratto l’infezione recentemente e si trovano quindi nella fase della primo-infezione o infezione primaria (le prime settimane dopo il contagio). In questa fase il virus viene trasmesso ai partner molto più rapidamente. Un solo contatto non protetto può bastare.

Generalmente, la maggior parte degli omosessuali si protegge in caso di contatti anonimi, mentre nelle relazioni di coppia esistono spesso degli accordi. Ma tra amici, con i quali si hanno di tanto in tanto rapporti sessuali fuori dalla relazione fissa, ci si fida e si rinuncia spesso al preservativo. In questi casi molte persone non sono consapevoli di esporsi a un rischio. La fiducia e i sentimenti ci inducono infatti a rinunciare a volte all’uso del preservativo. Chi contrae l’HIV senza accorgersene, diffonde il virus senza saperlo e diventa così parte di una reazione a catena che va disinnescata.

Perché è importante non esporsi a nessun rischio per tutto il mese di aprile fino al test di maggio?

Per evitare nuovi contagi da HIV bisogna eludere assolutamente ogni rischio per tutto il mese di aprile fino al test di maggio. Solo così possiamo spezzare la catena. Quanti più uomini partecipano, tanto maggiore sarà il successo della lotta contro l’HIV. Solo così potremo ridurre la Community Viral Load, ovvero la carica virale della comunità. Informate quindi i vostri amici sull’azione Break the Chains e partecipate. Va da sé che le regole del safer sex vanno applicate ovviamente tutto l’anno.

Cosa significa evitare i rischi in modo coerente?

Il sesso orale (senza prendere sperma in bocca), baciarsi o masturbarsi a vicenda non comportano nessun rischio di contagio da HIV. I rischi vengono evitati in modo consapevole

  • se si è informati sul proprio stato HIV;
  • se una persona sieropositiva segue una terapia antiretrovirale efficace e la carica virale non è rilevabile;
  • in una relazione fissa dove entrambi i partner sono sieronegativi e hanno rapporti sessuali solo fra di loro;
  • se si hanno rapporti sessuali solo con il preservativo quando lo stato HIV del partner sessuale non è noto.
Per quale motivo tutti gli uomini sieronegativi dovrebbero fare il test a maggio?

Il prossimo mese di maggio, tutti gli uomini il cui ultimo test HIV era negativo dovrebbero, se possibile, fare un test HIV con i loro partner sessuali, poiché durante la campagna BREAK THE CHAINS costa solo 10 franchi. I centri di test sono riportati sul presente sito. Se nell’ambiente gay si evitano i contagi da HIV, la catena può essere spezzata e l’HIV combattuto con successo.

È sicuro il test HIV dopo quattro settimane?

In Svizzera il test HIV viene considerato sicuro tre mesi dopo l’esposizione al rischio. Il test può riconoscere un’infezione dopo quattro settimane, ma non può ancora escludere del tutto un contagio. Per sicurezza si consiglia di effettuare un test tre mesi dopo l’ultimo contatto a rischio.

Cos’è il Community Viral Load?

Per Community Viral Load (carica virale della comunità) si intende la carica virale complessiva nella comunità gay. La carica virale è la quantità di virus presente nell’organismo di una perso-na sieropositiva. Quanto più elevata è la carica virale tanto maggiore è il rischio di trasmettere l’HIV. La carica virale è particolarmente elevata nei primi mesi dall’infezione (primo-infezione). In questo periodo, il rischio di trasmettere l’HIV è pertanto particolarmente elevato. Gli uomini sieropositivi che seguono una terapia antiretrovirale efficace hanno una carica virale non rilevabile. Ciò significa che nel sangue non vi sono quasi più virus e che quindi non sono più contagiosi. Senza virus, nessun contagio!

A cosa serve l’azione BREAK THE CHAINS?

Se evitiamo di esporci a rischi nel mese di aprile possiamo spezzare la catena dei contagi. Più uomini partecipano a questa azione, maggiori sono le probabilità di successo. In tal modo contribuiamo a ridurre la carica virale della comunità e le probabilità di contagio diminuiscono con gli anni.

Visitateci su Facebook!
Cliccate su «Mi piace» e noi vi sosteniamo durante il mese di aprile con i nostri post: https://www.facebook.com/Breakthechains.ch/?fref=t...

Avete altre domande su BREAK THE CHAINS, l’HIV o altre infezioni sessualmente trasmissibili (IST)?
Chiedete al Dr. Gay! Potete porre le vostre domande all’inizio di questa pagina